Norme di igiene vocale

Nel fare pulizia tra alcune vecchie cartacce mi sono imbattuto in un foglio molto interessante. Non ricordo come ne sia entrato in possesso... credo me lo abbia dato un collega. Ad ogni modo le informazioni contenute nel foglio credo dovrebbero essere il più possibile di dominio pubblico, specie per quelle persone che, come il sottoscritto, hanno nella voce il loro strumento principale di lavoro.

Capita spesso di sforzare le nostre corde vocali, e spesso i danni che le causiamo non sono immediatamente evidenti, ma si manifestano con gli anni, quando oramai c'è ben poco da poter fare. E' buona norma quindi seguire alcune semplici regole di igiene vocale che qui riassumo. Come sempre vi invito espressamente ad approfondire ed analizzare in modo critico quello che scrivo, soprattutto in questo caso in cui non ho idea di quale sia la fonte di tali informazioni e di conseguenza di quale sia la sua attendibilità.

Ecco qui elencate le principali norme di igiene vocale:
  1. Evitare di parlare troppo surmenage) e male (malmenage).
  2. Evitare di parlare con intensità elevata, e mai parlare in ambienti particolarmente rumorosi, o troppo grandi o con un'acustica difettosa.
  3. E' consigliato parlare a distanza ravvicinata ponendosi di fronte all'interlocutore.
  4. Il raschiare la gola e la tosse sono da evitare o bisogna farli in modo moderato e meno frequente possibile (lo sfregamento cordale e la conseguente irritazione mucosa provocano una produzione ulteriore di muco insieme ad un'azione traumatica sulle corde vocali).
  5. Invece di schiarirsi la gola è consigliabile inghiottire a secco o bere acqua a piccoli sorsi.
  6. Evitare discussioni animate, urli, forti risate, canto a "squarciagola".
  7. Utilizzare l'articolazione e l'espressività nell'eloquio, che sono spesso più efficaci dell'urlo.
  8. Evitare di sussurrare, soprattutto in modo forzato.
  9. L'inspirazione deve avvenire più spesso possibile attraverso il naso: curare ed evitare tutti i disturbi alle cavità nasali. A riposo l'inspirazione deve avvenire a bocca chiusa. In fonazione è consentita anche la respirazione orale.
  10. Attenzione all'inizio ed alla fine della frase: non pressare la voce e non rimanere senza fiato.
  11. Evitare di parlare durante e dopo lo sforzo fisico.
  12. Evitare le fatiche di qualsiasi genere che non consentano di fare quella economia necessaria ai muscoli vocali. Riposare di più prima di un pesante impegno vocale, perchè la fatica globale del corpo riflette sulla voce.
  13. Cercare di mantenere mandibola, lingua e collo rilassati.
  14. Abituarsi al riposo vocale quando non è necessario parlare.
  15. E' importante conoscere i limiti delle proprie abilità vocali e accorgersi del momento in cui scatta la "fatica" vocale.
  16. Evitare raffreddamenti e cambiamenti bruschi di temperatura che danno disturbi vasomotori generali e locali e favoriscono malattie infiammatorie acute.
  17. Per evitare la sensazione di gola secca, bere ad ogni pasto e tenere sempre dell'acqua a portata di mano.
  18. Curare il grado di umidità (quella ideale è del 40%-50%) e di temperatura degli ambienti: il riscaldamento procura un'aria secca e calda, congestiona le mucose, da una sensazione di oppressione e rallenta i movimenti respiratori. E' opportuno bere abbondantemente ed eventualmente utilizzare umidificatori in casa, specie nel periodo invernale.
  19. Evitare di coprirsi in modo eccessivo, di stringersi con panciere e pantaloni troppo stretti, con cinture troppo alte che impediscono il buon funzionamento degli organi respiratori.
  20. Prima di una presentazione vocale di una certa rilevanza si consiglia di non alimentarsi con un pasto abbondante.
  21. Rinunciare all'alchool e al fumo, ed evitare, se possibile, anche il fumo passivo: l'irritazione costante causata dal fume sulle mucose faringo-laringo-tracheali può essere sufficiente ad annullare gli effetti positivi del lavoro riabilitativo sul comportamento vocale.
  22. Evitare bibite troppo fredde o troppo calde che possono causare disturbi vasomotori degli organi fonatori.
  23. Evitare bevande con caffeina (caffè, thè, ...) specialente prima di un uso consistente della voce, poichè un'assunzione eccessiva ha effetto diuretico ed impoverisce il tessuto delle corde vocali del necessario grado di idratazione. Preferite bevande decaffeinate o bere un bicchiere d'acqua per ogni tazza di caffè.
  24. Non si deve abusare degli aereosol perchè sono freddi; sono preferibili le inalazioni a casa o presso le stazioni termali.
  25. Si consiglia di diminuire le terapie farmacologicheperchè, se fatte in modo esagerato, diminuiscono la difesa organica naturale.
  26. La sedentarietà nuoce gravemente alla funzionalità di tutti gli organi fonoarticolari: essa riduce l'attività muscolare che ha bisogno di essere allenata con l'esercizio e diminuisce la capacità funzionale dei muscoli ; inoltre la funzione respiratoria, che è alla base della combustione dei tessuti, è gravemente alterata dalla sedentarietà. l'individuo privato dell'attività fisica vede il suo valore funzionale diminuire. Gli esercizi respiratori convenientemente regolari e l'attività fisica, sono consigliati contro le conseguenze negative della sedentarietà e sono tutti utili per un buon mantenimento delle funzioni vocali.
  27. Cercate di gestire al meglio le situazioni stressanti: parlate lentamente e muovetevi adagio; fate esercizio fisico; considerate l'opportunità di un corso formale di gestione dello stress.
  28. Curate la postura della colonna vertebrale: deve essere eretta per una buona respirazione e quindi una corretta fonazione.
  29. E' importante continuare a rispettare la respirazione diaframmatica impostata durante il corso di terapia, la coordinazione pneumo-fonica e le nozioni di impostazione vocale.
  30. Nel caso di lunghi periodi di raceudine o disfonia è consigliabile effettuare una visita foniatrica o otorinolaringoiatrica e, se necessario, ripetere un corso di impostazione vocale presso il servizio di logopedia.
 Ripeto, non ricordo quale sia la fonte di questi consigli, ma in gran parte mi sembrano buoni e sensati. Ad ogni modo fate sempre riferimento al vostro medico e non a questa pagina.
Un saluto.


Persone onlne

Abbiamo 6 visitatori e nessun utente online

Cookies e Privacy Policy


Joomla templates by a4joomla