Messico: diario di viaggio

English translation made using google


Qui di seguito troverete una descrizione dei vari luoghi che ho visitato nei due viaggi fatti in Messico. L'ordine in cui li presento è lo stesso con cui li ho visitati nel 2009; a parte i siti di Palenque e San Cristobal che ho visitato nel 2005. 
Below is a description of the various places I visited in the two trips made in Mexico. The order in which they present is the same one that I have visited in 2009, apart from the sites of Palenque and San Cristobal, which I visited in 2005.


Chichen Itza

Atterrato a Cancun, il mattino dopo mi dirigo a Valladolid, da dove poi parto per visitare le rovine maya di Chichen Itza. Il sito è uno dei più belli di questa parte dell'america; peccato che oramai sia vietato arrampicarsi sulla cima dei templi. Anche qui come a Palenque, non si riesce davvero a vivere quella sensazione di avventura che è invece possibile provare in altri siti più remoti; la presenza di bancarelle di souvenir, il parcheggio degli autobus, ed i vari servizi per turisti ne sono sicuramente la prima causa. E' comunque interessante osservare che gli scavi archeologici non sono affatto terminati; sotto i piedi dei turisti si celano ancora strutture architettoniche di grande interesse. I maya infatti avevano l'abitudine di costruire i propri templi e palazzi sopra quelli già esistenti. 


Landed in Cancun, the next morning I go to Valladolid, from where he left to visit the Mayan ruins of Chichen Itza. The site is one of the most beautiful in this part of America; shame that now is prohibited to climb on top of temples. Here, as at Palenque, you can not really live that feeling of adventure that is instead possible to try other more remote sites and the presence of souvenir stalls, the parking of buses, and various services for tourists are certainly first case. It 'still interesting to note that archaeological excavations are not completed; under the feet of tourists are still hidden architectural structures of great interest. The Maya in fact they used to build their temples and palaces over the existing ones.


          

Rio lagartos

Da Chichen Itza mi muovo verso una cittadina di pescatori chiamata Rio Lagartos. Qui vive una colonia di fenicotteri rosa, visitabile con un breve giro in barca all'interno della laguna. Con un po' di fortuna è anche possibile avvistare qualche aquila e dei coccodrilli. La colonia di fenicotteri è davvero molto numerosa, tanto che è vietato spaventarli, in quanto se si alzano contemporaneamente tutti in volo c'è il rischio che riportino gravi ferite. Per le persone a cui interessa, il tour prevede anche una visita alla vicina salina, ed è inoltre possibile ricopire la propria pelle con fanghi terapeutici. 
From Chichen Itza I move to a fishing town called Rio Lagartos. Here lives a colony of pink flamingos, visited with a short boat ride inside the lagoon. With a little luck is also possible to spot some eagles and crocodiles. The colony of flamingos is very large, so that it is forbidden scare them, because if they get up in the air all at once there is a risk that indicate serious injuries. For people who are interested, the tour also includes a visit to the nearby salt, and you can copy your skin with therapeutic mud.


   

Isla HolBox

Arrivato in traghetto alla Isla Holbox, mi trovo un albergo e subito corro ad organizzare un'escursione in mare aperto per avvistare e nuotare insueme agli squali balena. L'esperienza è davvero emozionante, nuoti a breve distanza da un pesce lungo dodici metri. Con un po' di fortuna riesci anche ad osservare delle razze dorate e dei delfini. 
Arriving by ferry to Isla Holbox, I found a hotel and immediately ran to organize a trip offshore to spot and swim with whale sharks insueme. The experience is really exciting, swim a short distance from a fish forty feet long. With a little 'luck you can also observe the golden rays and dolphins.


  

Tulum

Dalla Isla Holbox mi sposto verso Tulum, un sito maya dalla posizione davvero suggestiva sulla riva del mare. Una parte della spiaggia è persino aperta ai bagnanti, che possono quindi divertirsi nelle calde acque dei caraibi. Partendo da Tulum, è poi possibile organizzare un'escursione nella riserva naturale di Sian Ka'an, un piccolo paradiso di mangrovie e acque piene di pesci tropicali. La barriera corallina,pocodistente, crea un habitat gradevole per molte specie, tra cui tartarughe, delfini, stelle marine, ecc. 
From Isla Holbox I move toward Tulum, a Mayan site really attractive position on the seashore. Part of the beach is even open to bathers, who can then enjoy the warm waters of the Caribbean. Starting from Tulum, you can then organize a hike in the natural reserve of Sian Ka'an, a small paradise of mangrove forests and waters full of tropical fish. The reef, pocodistente, creates a nice habitat for many species, including turtles, dolphins, starfish, etc..


   

Calakmul

Sperduto nella foresta, non distante dal confine con il Belize, si trova il sito di Calakmul. Il sito non è poi così impressionante, ma la sua posizione, nelle profondità della foresta, lo rendono alquanto suggestivo. Visitandolo di mattina presto, quando i gruppi di turisti messicani ancora non sono ancora arrivati, sarà possibile vivere un'esperienza davvero piacevole. 
Lost in the forest, not far from the border with Belize, is the site of Calakmul. The site is not all that impressive, but its location, deep in the forest, making it quite impressive. Visits to early morning, when groups of Mexican tourists have not arrived yet, you can experience truly pleasurable.



Palenque

Di tutti i siti maya questo è forse quello che preferisco, insieme al sito di Tikal. Le rovine, molto ben conservate, creano un'atmosfera davvero suggestiva. Visto che il sito è molto visitato, è davvero indispensabile visitarlo al mattino presto o verso sera all'ora di chiusura. La vicina città rende infatti l'accesso particolarmente facile, per cui qui non si prova quella sensazione che si prova nei siti più remoti. 
Of all the Mayan sites this is probably my favorite, along with the site of Tikal. The ruins, very well preserved, creating a truly evocative. Since the site is visited, it is really necessary to visit the early morning or evening closing time. The nearby city makes it particularly easy to access, so here you do not feel that feeling you get in the more remote sites.


  

San Cristobal de Las Casas

Nei dintorni di San Cristobal si trova San Juan Chamula. Questa cittadina è molto particolare. Qui l'antico culto maya ed il cristianesimo si sono fusi insieme per dar vita a qualcosa di unico al mondo. Gli abitanti sono piuttosto schivi e non desiderano affatto essere fotografati; probabilmente per motivi turistici hanno accettato di permettere ai turisti di scattare foto da una piccola terrazza ai bordi della piazza del mercato. Ricordo chiaramente la guida dirci che, qualora fossimo stati trovati a scattare foto nella piazza opeggio all'interno della chiesa, ci saremmo potuti trovare in una reale pericolo fisico! Ricordo la nostra guida mentre ci spiegava che annualmente veniva eletta una persona che gestisse l'organizzazione delle cerimonie religiose che si sarebbero dovute tenere. Questa persona avrebbe guadagnato un grandeprestigio, ma doveva ovviamente provvedere all'aquisto di tutto il necessario. Ciò che però non mi sarei mai immaginato, è che la pratica religiosa fosse profondamente differente da quello a cui, come europeo, ero abituato. Me ne resi conto entrando nella chiesa. L'altare non era presente; solo un'acquasantiera in un angolo della chiesa poteva rappresentare un legame con le nostre chiese. Tutto ai lati dell'unica navata erano disposte le statue di decine di santi, con al centro, nel posto d'onore, la statua di San Giovanni, a cui la chiesa era dedicata. Un letto di aghi di pino copriva gran parte del pavimento, a simboleggiare l'albero sacro ai maya che costituiva il legame tra il mondo terreno ed ilmondo degli dei. L'offerta ai santi, oltre che con la preghiera, si concretizzava principalmente in tre modi differenti. In primo luogo offrendo candere; migliaia di candele erano accese di fronte alle immagini dei santi o per terra. Era infatti impegnativo camminare stando attenti a non urtare una candela offendendo profondamente il fedele che l'aveva posizionata li in mezzo al passaggio. In secondo luogo i credenti offrivano... udite udite... coca-cola o fanta o altre bibite. E' triste a dirsi, ma in passato, qualcuno convinse questa gente a offrire bibite come atto di devozione, esattamente come noi offriamo delle preghiere. Più profana è invece la pratica dei sacrifici. Le persone malate si recano in chiesa con un pollo vivo; se lo strofinano sul corpo affinchè questo assorba la loro malattia, ed infine lo sacrificano uccidendolo, un po' come facevano gli antichi maya con le persone. Gran parte di quanto scrivo è sicuramente vero in quanto l'ho osservato con i miei occhi... altre cose rappresentano ciò che mi è stato raccontato dalla quida. Sicuramente vale la pena visitare questo luogo per farsi un'idea personale tramite un'esperienza diretta. 
Around San Juan Chamula San Cristobal is located. This town is very special. Here the ancient Maya religion and Christianity have fused together to create something unique in the world. The people are rather shy and have no desire to be photographed, probably as tourists agreed to allow tourists to take pictures from a small terrace at the edge of Market Square. I remember clearly the leadership tell us that if we had been found taking pictures in the square opeggio inside the church, we would have found ourselves in a real physical danger! I remember when our guide told us that each year was elected a person that would manage the organization of religious ceremonies that were to be taken. This person would have earned a grandeprestigio, but was the obvious choice in buying all the necessary. But what I never imagined, and that religious practice was profoundly different from that to which, as a European, I was accustomed. I knew coming into the church. The altar was not present, only a font in a corner of the church could represent a connection with our churches. All sides of the aisle were arranged dozens of statues of saints, with the center, in the place of honor, a statue of St. John, to whom the church was dedicated. A bed of pine needles covered a large part of the floor, symbolizing the tree sacred to the Maya that was the link between the earthly world and ilmondo gods. The offer to the saints, as well as with prayer, is implemented mainly in three different ways. First offering candy, thousands of candles were lit before the images of saints or the ground. It was indeed challenging walk being careful not to knock a candle deeply offended the faithful who had placed them in the midst of transition. Secondly believers offered ... unbelievable but true ... Coca-Cola or Fanta and other drinks. It 'sad to say, but in the past, someone convinced these people to offer soft drinks as an act of devotion, just as we offer prayers. More secular and instead the practice of sacrifice. Sick people go to church with a live chicken and if you rub on the body so that it absorbed their illness, and finally killing him sacrifice a bit 'like the ancient Maya with people. Much of what I write is certainly true because I observed with my own eyes ... other things are what I was told by quid. Definitely worth visiting this site for personal insight through direct experience.



Campeche ed Edzna

Campeche è una cittadina il cui centro storico, perfettamente conservato, è stato dichiarato patrimonio mondiale dell'umanità. La cittadina ha una storia affascinante, essendo stato un centro commerciale, e di contrabbando, particolarmente fiorente nel periodo coloniale. L'enorme flusso di denaro che passava di qui attirava di conseguenza i pirati di tutti i caraibi. La città è infatti stata attaccata e distrutta diverse volte, fino a quando gli spagnoli non decisero di costruire un'imponente muro di cinta difensivo e diversi fortini miliari per completare l'apparato difensivo. La visita alla città è particolarmente piacevole, anche per il fatto che il turismo ha trasformato solo in minima parte i ritmi di vita degli abitanti del luogo. Da Campeche è facile prendere un mezzo pubblico locale e raggiungere il sito di Edzna, che però non ho trovato particolarmente impressionante. 
Campeche is a city whose historic center, perfectly preserved, has been declared world heritage site. The town has a fascinating history, having been a commercial center, and smuggling, particularly flourishing in colonial times. The huge flow of money that passed through here consequently attracted the pirates of the Caribbean. The city is attacked and destroyed several times, until the Spanish decided not to build a massive wall of defensive forts and several milestones to complete the defensive apparatus. The visit to the city is very pleasant, even for the fact that tourism has changed only minimally the rhythms of life of local people. From Campeche is easy to take a bus and reach the local site Edzna, but I have found particularly impressive.


    

Merida, Uxmahl e la Ruta Puuc

La città di Merida è un buon punto di partenza per visitare le varie attrattive presenti nei dintorni. La sua piazza centrale, in tipico stile coloniale, è dominata dalla cattedrale e dagli edifici porticati sede del governo municipale. La città non ha poi molto da offrire, ma la visita ad Uxmahl è sicuramente qualcosa da non perdere. Il sito è grande e molto ben conservato. Progetti di scavo sono ancora in corso, ed è possibile osservare gli archeologi al lavoro mentre smontano una piramide nella speranza di trovare tracce della struttura sottostante o di una tomba reale. La mia personale esperienza fu però piuttosto drammatica: mentre camminavo con il naso per aria, osservando i bellissimi resti, non mi accorsi di una pietra affilatissima su cui urtai violentemente la gamba. Fortunatamente non mi ruppi niente, ma porto tuttora i segni della brutta ferita che mi procurai. Vi consiglio di guardare bene dove mettete i piedi quando visitate un qualunque sito archeologico. 
Da merida partono inoltre escursioni per visitare i siti maya della ruta Puuc. Non sono particolarmente impressionanti, ma alla fina della mattinata torni a casa decisamente contento di averli visitati. Visti i vari siti archeologici, l'ultimo giorno di visita lo utilizzai per recarmi alla città gialla. 
The city of Merida is a good starting point to visit the various attractions surrounding the hotel. Its central square, in typical colonial style, is dominated by the cathedral and the seat of municipal government buildings, porches. The city also has much to offer, but a visit to Uxmahl is definitely something to see. The site is large and very well preserved. Excavation projects are still underway, and you can watch the archaeologists at work while dismantling a pyramid in the hope of finding traces of the underlying structure or of a royal tomb. My experience, however, was quite dramatic: while walking with his nose in the air, watching the beautiful ruins, I noticed a very sharp stone on which violently bumped his leg. Luckily I broke anything, but still bears the signs of the ugly wound that I got. I advise you to look at where you put your feet when you visit any archaeological site. 
Excursions leaves from Merida to visit Mayan sites of ruta Puuc. Not particularly impressive, but to fine the morning to come home very glad I visited. Given the various archaeological sites, the last day of the tour I used to go to the town yellow.



La città gialla

All'epoca della conquista spagnola, questa città maya era piuttosto fiorente. Gli spagnoli decisero di abbattere il più importante dei templi presenti, e di costruire sulle sue rovine un grande monastero. La città continuò quindi a vivere, ed è la sola in cui mi sia capitato di trovare imponenti rovine maya all'interno del centro urbano. Ad ogni modo la principale particolarità di questo luogo è il colore della maggior parte dei muri: un giallo pastello saturo di colore. Questo conferisce alla città un'atmosfera particolare, considerando che anche molti mezzi pubblici, taxi e biciclette, vengono spesso verniciati di giallo. Persino le farfalle sono di colore giallo! 
At the time of the Spanish conquest, this Mayan city was quite flourishing. The Spaniards decided to destroy the most important of these temples, and to build on its ruins a great monastery. The city continues to live, and is the only one in which I happened to find impressive Mayan ruins in the city center. However, the main peculiarity of this place is the color of most of the walls, a pastel yellow color saturation. This gives the city a special atmosphere, considering that many public transport, taxis and bicycles, are often painted yellow. Even the butterflies are yellow!


    

La isla Mujeres

La isla Mujeres è uno dei principali luoghi di villeggiatura per turisti locali e stranieri. Molto più urbanizzata della isla Holbox, ha decisamente perso ogni aspetto di quella romantica atmosfera che si può sperimentare in luoghi più remoti e solitari. La presenza di strade asfaltate e mezzi a motore contribuisce a questo. Ad ogni modo, questa località rimane un luogo ideale per chi ama fare vita da spiaggia; le acque sono cristalline e piene di vita marina, ed i servizi per i turisti sono completi e di ottima qualità. Per chi ama l'avventura, è comunque possibile organizzare escursioni per nuotare insieme agli squali balena, o divertirsi al delfinario giocando con i delfini. Particolarmente interessante è anche la visita al centro di protezione delle tartarughe marine, dove questi animali vengono protetti nei primi anni di vita prima di essere liberati in mare. Considerato che l'aereoporto internazionale è facilmente raggiungibile in un paio di ore, questa località è un ottimo posto dove passare gli ultimi giorni di vacanza prima del rientro a casa. 
La Isla Mujeres is one of the major vacation spots for local and foreign tourists. Much of the urbanized Isla Holbox, has definitely lost every aspect of that romantic atmosphere you can feel the most remote and lonely. The presence of paved roads and motor transport contributes to this. However, this remains an ideal location for anyone that loves beach life, the waters are crystal clear and full of marine life, and services for tourists are complete and of excellent quality. For those who love adventure, it is possible to organize excursions to swim with whale sharks, or have fun playing with the dolphins at the Dolphinarium. Particularly interesting is a visit to the center of the protection of sea turtles, where these animals are protected in the first years of life before being released into the sea. Given that the international airport is easily reachable in a couple of hours, this place is a great place to spend the last days of vacation before returning home.


  

Cookies e Privacy Policy


Joomla templates by a4joomla